News

Qui troverete le notizie selezionate e commentate per voi dai Colleghi attenti scrutatori della rete.

Per leggere interamente i più recenti contributi è necessario effettuare prima il login, utilizzando le vostre consuete password di accesso al sito.

Se non le avete o le avete perdute, richiedetele scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Benvolentieri accettiamo contributi da tutti i soci !!

Disponibili per gli utenti registrati:

  • Gravità ed esiti  delle convulsioni febbrili post-vaccinazione
  • Sindrome Metabolica e Basso Peso alla Nascita
  • Mai più pannolini in discarica. Arriva il decreto ‘end of waste’ per riciclarli
  • Tumori molto rari in età pediatrica. Una consensus sulla loro definizione e catalogazione
  • Scuole e asili per ricucire il Paese
  • L'associazione della dieta mediterranea durante la gravidanza con traiettorie dell'indice di massa corporea longitudinale e rischio cardiometabolico nella prima infanzia
  • Prevalenza e modelli di trattamento del disturbo dello spettro autistico negli Stati Uniti, 2016
  • L’uso di antibiotici e antiacidi nei primi 2 anni di vita si associa a obesità infantile
  • Allergie alimentari
  • Allarme Allergie - l'incidenza di allergie riferite dai genitori nei bambini che si presentano per anestesia generale.
  • I prodotti omeopatici possono prevenire e curare le infezioni delle vie respiratorie nei bambini?
  • Antipsicotici in età evolutiva a totale carico del SSN
  • Abbattiamo il muro del silenzio
  • Dormire bene rende i bambini più magri
  • La metilazione del DNA nasale è associata con l’asma nei bambini
  • Quanto costa alle famiglie difendersi dalle zanzare
  • Vaccini Poliovirus e allattamento al seno
  • Igiene orale personale e carie dentale: una revisione sistematica di studi randomizzati e controllati
  • Nuotare contro corrente. Povertà educativa e resilienza in Italia
  • Il Bambino Gesù presenta la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile
  • Microbiota e rischio obesità
  • Scuola e disabilità
  • Certificato sportivo, abolito l'obbligo per i bambini fino a 6 anni
  • Il volto inatteso della fame nascosta
  • Genitori e scuola
  • Un regalo di fine anno per i pediatri di famiglia
  • Latte per bambini contaminato con la salmonella
  • Errori nell’interpretazione automatizzata dell’ECG
  • Linee guida anticontagio per gli studi pediatrici
  • Certificati assicurativi per incidenti stradali
  • Allattare al seno in pubblico

Recentemente sul Corriere della Sera è apparso un articolo che affronta il nodo dei certificati di rientro a scuola. Esiste una normativa generale oramai datata da tempo che però non viene rispettata da molte scuole, le quali richiedono dei certificati impropri, anche per assenze inferiori ai 5 giorni.
Vedi l’articolo completo.

Angela Pittari
di Angela Pittari

“I bambini di statura inferiore a 150 cm devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti". Così recita l’articolo 172 del Codice della Strada.
L’ attenzione sull’argomento “sicurezza in auto “oggi è ancora più alta, visto l’allarmante aumento del numero di bambini coinvolti in incidenti stradali mortali. Più della metà dei bambini non viaggia in sicurezza pur essendo sul seggiolino, o perche è montato erroneamente o perché le cinture di sicurezza non sono state allacciate in modo corretto, per non parlare dei bambini che viaggiano in braccio alla madre nel posto del passeggero, sia nei lunghi viaggi in autostrada che nei brevi tragitti in città!!!

Purtroppo, molto spesso quel che manca è la “cultura della prevenzione” sugli incidenti stradali in cui vengono coinvolti i bambini, da parte degli stessi genitori che non sono opportunamente e costantemente informati sulle normative a riguardo, spesso oggetto di modifiche ed integrazioni sia per l’adeguamento ai progressi tecnologici sia per ridurre le frequentissime trasgressioni nonostante le sanzioni previste.
Facciamo un passo indietro e riassumiamo le regole della normativa varata nel 2006 con Decreto Legge n°150 e successive modifiche fino ad arrivare alle ultime novità della recente normativa UN/ECE R129 che non sostituisce la precedente UN/ECE R44  ma si affianca ad essa prevedendo 3 fasi di sviluppo attuate gradualmente nel corso di un paio d’anni per permettere a produttori e consumatori di rinnovare i dispositivi di sicurezza e adeguarsi ai nuovi dettami. La prima fase di sviluppo è entrata in vigore nel 2013 ed ha apportato importanti novità per i bambini più piccoli ovvero per i bambini che non hanno raggiunto i 105 cm di altezza.
Cosa si sapeva:

 

 

  • I dispositivi di ritenuta (divisi in classi a seconda dell’età e del peso del bimbo) sono obbligatori dalla nascita fino al raggiungimento dei 36 Kg di peso; in base all’età il limite è fissato al compimento dei 12 anni e al raggiungimento dei 150 cm di altezza. fino a 18 Kg si devono usare solo i seggiolini, oltre questo peso si possono usare anche gli adattatori che devono essere omologati cioè costruiti secondo le regole precise dettate da regolamenti internazionali e successive revisioni.
  • Le etichette apposte sui dispositivi di ritenuta devono contenere tutti i dati per il corretto utilizzo in base al peso e all’altezza del bambino.

Cosa cambia con la R129:

  • I seggiolini auto sono classificati in base all’altezza e non più in base al peso (i produttori dei seggiolini devono definire la classe di appartenenza del prodotto indicando a quale fascia di altezza del bimbo è rivolto)
  • Stabilisce l’obbligo di viaggiare con il seggiolino rivolto in senso contrario di marcia fino ai 15 mesi (prima era fino a 9 kg di peso), questo perché il bambino piccolo ha una fisiologica fragilità della testa e del collo ed in caso di incidente, per il contraccolpo, sono queste le parti più esposte a danni gravi.
  • Richiede l’utilizzo del sistema “Isofix” per l’aggancio in auto, diminuendo i rischi d’installazione non corretta rispetto all’aggancio con le cinture di sicurezza del veicolo.
  • I seggiolini devono superare una prova contro l’impatto laterale (statisticamente più frequente), che non era previsto nella normativa precedente ( venivano effettuati solo i test per l’impatto frontale e posteriore). Durante i crash test, per ottenere l’omologazione, viene simulato un impatto laterale con intrusione della portiera, ciò consente di apportare modifiche adeguate ai sistemi di ritenzione per ridurre al minimo i danni al bambino.

Le nuove regole:

  • Dal 1° gennaio 2017, secondo le modifiche apportate alla “vecchia” normativa R44/04, dovranno essere utilizzati rialzi con schienale per i bambini al di sotto dei 125 cm di altezza al fine di garantire una maggiore sicurezza e protezione in quanto permettono un migliore posizionamento delle cinture sulle spalle e sul torace.
  • I rialzi senza schienale saranno consentiti solo per bambini con altezza superiore a 125 cm di altezza. Non è stato specificato ancora a quale gruppo di peso verrà applicata la nuova normativa.
  • Dall’estate 2017, entrando in vigore la seconda fase della R129-02, i seggiolini auto per bambini da 100 a 150 cm di altezza potranno o meno essere dotati del sistema ISOFIX, i genitori potranno scegliere il sistema di aggancio che preferiscono.
  • La R129-02 vieterà inoltre la vendita dei seggiolini auto senza schienale per bambini con altezza al di sotto dei 125 cm.
  • Resta invariato l’obbligo, in Italia, di seggiolini auto fino a 150 cm di altezza.

Le sanzioni per chi non rispetta le nuove disposizioni possono arrivare fino a 323 € di multa e 5 punti sulla patente.
Per ulteriori informazioni:

Il Consiglio Direttivo della società ha deciso di devolvere una somma per sostenere il  Progetto nutrizionale e di contrasto alla malnutrizione nell’area di Shebraber (Etiopia), progettato dai Pediatri di Famiglia del CCWW.

Teresa Cazzato

 

Di Teresa Cazzato

In queste ultime settimane ascoltiamo e leggiamo l’allarme dell’Istituto Superiore di Sanità sul calo delle vaccinazioni per cui si aspettano i primi casi di polio e difterite ad esempio.
Questo si verifica in quanto i batteri causa di malattie infettive che rispondono alle vaccinazioni circolano sempre, ma essendoci migliaia di bambini non protetti contro polio o tetano o morbillo o rosolia, ci saranno nuove infezioni. Se la polio è stata eradicata in Italia, sono presenti focolai in nazioni come la Siria, l’Afganistan e con la circolazione di persone e la scarsa copertura vaccinale vi è un evidente pericolo; anche perché non c’è più l’immunità di gregge che si ottiene con una copertura vaccinale di almeno il 95%.
L’immunità di gregge è la protezione rispetto alla malattia dovuta al fatto che il microrganismo non riesce ad infettare molte persone perché vaccinate.
Serpeggia da tempo la genesi del mito che lega il vaccino trivalente e l’autismo nonostante sia stato smentito lo studio, risultato falso, che aveva avanzato l’ipotesi; questo, insieme ai movimenti antivaccinisti che si sono organizzati nel corso del tempo, hanno portato a realizzare la situazione attuale che non può essere ulteriormente tollerata e sottovalutata.

Paola Manzoni

 

 

 

A cura di Paola Manzoni

Di estrema attualità ed utilità il corso gratuito online che fa parte del progetto europeo EUR HUMAN.Si tratta di un corso che si articola in 7 moduli , specifico per operatori socio sanitari coinvolti nell'assistenza a richiedenti asilo, rifugiati e migranti. Scopo principale del corso è quello di fornire strumenti concordati a livello europeo per fornire una adeguata assistenza che sia centrata sulla persona ed integrata. Leggi tutto Viene anche trattato in un modulo specifico il tema del bambino immigrato I moduli sono così suddivisi:1-informativa, 2- aspetti giuridici, 3- interazione paziente/operatore sanitario, 4- salute mentale, 5- salute sessuale 6-salute del bambino, 7- malattie croniche e promozione della salute.
La procedura per accedere prevede la registrazione al sito healthfoundation.eu/engine?app=hiv&service=classmanager:form;D14&cmd=new.
Inserire 'EURHM16IT nel campo 'gruppo code' e premere invio.
Riceverete una mail di registrazione con le ulteriori informazioni per accedere e completare il corso; al termine verrà rilasciato un attestato di superamento del corso.