Accesso utenti
Cerca nel sito

Teresa Cazzato

di Teresa Cazzato

Il lavoro del Pediatra di Famiglia nei confronti di ogni singolo paziente è racchiuso in un arco di tempo che va dal momento della presa in carico fino al compimento del quattordicesimo anno o nel caso di un bambino con particolari problemi di malattia cronica o disabilità può arrivare fino al sedicesimo anno di vita. Questo stesso lavoro si è arricchito, dalla sua istituzione ad oggi, di varie componenti che potremmo definire allegoricamente come “medaglie sul campo”;

in altre parole, chi non si è adeguato alle esigenze ed alla circostanza in cui si è potuto trovare soprattutto di fronte a pazienti disabili? D’altronde i testi, la clinica, il percorso universitario o di specializzazione non ci hanno messo davanti a molte realtà sanitarie!  Molto spesso in tutte (o quasi) quelle  situazioni croniche o di disabilità,  non si hanno risposte codificate ai bisogni di ogni singolo paziente perché ogni situazione può essere a sé stante in quanto diverso l’individuo, diversa la patologia, diverso il contesto familiare, diverso il bisogno; per cui si può necessariamente dire che la terapia può essere una risposta al bisogno secondo il sentire, e non solo secondo la preparazione ed il proprio sapere, sapere essere e saper fare. Leggendo il Manifesto della Pediatria della Disabilità, la mente rimanda al lavoro sartoriale che viene adattato su misura a seconda della taglia, della scelta del tipo di abito, del colore, del tipo di stoffa, ecc. L’area della disabilità è in effetti una palestra in cui il pediatra mette in gioco preparazione, sapere, acquisizioni, sfide, ma il tutto seguendo anche emozioni, relazioni, contatti, esperienze, che man mano devono essere calibrate e adattate a quel particolare bisogno assistenziale, a quella famiglia ed in quel contesto sociale. Ancora, leggere nel Manifesto: “pediatria della vicinanza”, “pediatria dell’ascolto e della condivisione”, “pediatria della presenza responsabile”, pediatria della trincea della pazienza”, “pediatria della speranza”, “pediatria della tutela e della indignazione”, “pediatria dell’insegnamento” è come ricostruire un puzzle delle varie attività o componenti che ogni pediatra mette in pratica senza avere a priori la strutturazione dell’esito. Con quest’affermazione non si vuol dire che c’è irresponsabilità e incompetenza anzi tutt’altro, ci si mette in gioco paziente per paziente, cercando di impegnarsi e confrontarsi con esperienze di altri che si possono differenziare per alcuni aspetti compreso il contesto sociale in cui si vive. Ancora, il Manifesto della pediatria della disabilità ha toccato tutti i punti tangibili e non, quantitativamente diversificati a seconda della capacità, sensibilità, competenza di ognuno di noi pediatri. Ancora, leggendo tra le righe del Manifesto ognuno di noi pediatri si può ritrovare rivedendosi nell’esperienza di un caso vissuto o in divenire e può riconoscersi, ma ancora di più trova un sostegno e incoraggiamento al proprio operato; conferma ad esempio che l’ascolto fa parte integrante del nostro essere medico e del nostro essere pediatri così come la speranza è elemento di accompagnamento ma soprattutto di espressione di quel giuramento di Ippocrate che per ognuno di noi è,  e dovrebbe essere, un impegno di vita.
Si potrebbe concludere pensando che il nostro lavoro come formichine laboriose cerca di sistematizzare consapevolmente questa fetta di attività e di impegno che purtroppo spesso ha scarsa o parziale attenzione da parte di tutto il contesto sanitario. Forse dovrebbe essere anche nostro compito istituire percorsi formativi sul campo?
Leggi il manifesto.....

 
Lo Studio Pediatrico

Lo Studio Pediatrico

E’ uscito il nuovissimo libro sulla organizzazione dello studio pediatrico!!
Organizziamoci per lavorare (e vivere) meglio.

Clikka qui per vedere i contenuti ed accedere agli sconti dedicati ai soci SICuPP